Caro energia, un incontro per esporre prospettive e soluzioni

0
330

I cittadini pugliesi potranno autoprodurre energia da fonti rinnovabili a basso costo con l’aiuto dei finanziamenti della Regione Puglia.Con la pubblicazione in data odierna dell’Avviso per l’accesso al Reddito Energetico finalmente questa misura è realtà. Una misura che coniuga il contrasto alle povertà e strumenti incentivanti per lo sviluppo delle energie rinnovabili, particolarmente importante in questo momento per affrontare la crisi energetica in atto e promuovere la condivisione dell’energia.Grazie al reddito energetico i cittadini diventano non solo fruitori, ma anche produttori di energia, con notevoli risparmi sui costi delle bollette e con la creazione di nuovi posti di lavoro. La Puglia dopo essere stata la prima regione in cui è stata approvata la legge per la sua istituzione, grazie all’ex consigliere regionale M5S Antonio Trevisi, è anche la prima Regione in cui la misura viene attuata. L’Avviso per l’accesso al Reddito energeticoApri questo documento con ReadSpeaker docReader è rivolto a nuclei familiari con ISEE inferiore a 20mila euro (beneficiari previsti dalla Legge Regionale n. 42 del 09/08/2019). L’Avviso prevede un contributo a fondo perduto fino a un massimo di 8.500 euro per l’acquisto e l’installazione di sistemi di accumulo.La misura dispone di una dotazione finanziaria di circa 6.800.000 euro e intende favorire la progressiva diffusione di impianti di produzione di energia elettrica da fonte rinnovabile a servizio delle utenze residenziali domestiche o condominiali, attraverso interventi in favore di utenti in condizioni di disagio socio-economico. Grazie quindi al sostegno regionale sarà possibile coprire i costi per l’acquisto e l’installazione, presso la propria abitazione, di un impianto per la produzione di energia elettrica e termica dal rinnovabile, compreso l’eventuale sistema di accumulo dell’energia elettrica. Il surplus energetico prodotto servirà ad alimentare la misura e quindi ad assegnare le risorse ad altri beneficiari.La domanda di partecipazione potrà essere presentata tramite procedura telematica disponibile sulla piattaforma dedicata dal 25 maggio 2022 fino al 22 agosto 2022.
Info su https://regione.puglia.it/web/politiche-energetiche
Per chi è interessato, al momento, è importante individuare una delle ditte presenti nell’elenco delle aziende abilitate all’installazione e alla manutenzione degli impianti di produzione di energia elettrica e termica da fonti rinnovabili consultabile al seguente link: https://politiche-energetiche.regione.puglia.it/albo

Durante l’incontro aiuteremo i cittadini con isee inferiore a 20000 euro a compilare la domanda per il reddito energetico regionale in modo da ottenere gratuitamente un impianto fotovoltaico per alimentare l’abitazione in cui vivono.

Vi aspettiamo sabato 04 Giugno alle ore 18.30 a Casarano presso l’Auditorium comunale in via Parente, 1, per discuterne insieme e avere ulteriori informazioni e chiarimenti.

VIAComunicato Stampa
FONTEM5S Casarano
Articolo precedente“Meucci in festa”: riapriamo al futuro
Articolo successivoDe Nuzzo: “Tari: paghiamo tutti, per pagare di meno”
Hai un comunicato, una notizia, un evento, una lettera, o qualunque contenuto che vorresti far conoscere? Invia pure una mail a info@tuttocasarano.it e saremo lieti di fare da amplificatore della tua voce.