Erasmus Digital Theatre

0
259
erasmus digital theatre
Foto: Daniele D'Amato

È ben chiaro che il settore dello spettacolo si prepara ad affrontare una stagione a dir poco complicata per via delle ormai note restrizioni.

Sarà un anno ancora più difficile per tutte quelle compagnie, e in Italia ce ne sono tante, che produco spettacoli per gli studenti a fini didattici e socio educativi.

Immaginate quanti problemi ci saranno per portare una scolaresca a Teatro. Se non sarà impossibile, ci siamo vicini.

Ed ecco allora l’ idea, la novità che nasce proprio dal Salento: “Se la scuola non va a Teatro, il teatro va a scuola!” Ma come?

Certo, si potrebbe pensare ad allestire uno spettacolo all’ interno della scuola, ma bisogna sempre fare i conti con spazi, distanziamento sociale, assembramenti, mascherine e così via. Senza trascurare, poi, il problema dei trasporti.

E allora bisogna stare al passo e vivere il momento. Il teatro per la scuola diventa digitale.

Nasce così Erasmus Digital Theatre, la prima piattaforma digitale dedicata al Teatro per Ragazzi che raccoglie spettacoli di diverse compagnie del settore sia in lingua straniera che in Italiano.

Un’ offerta arricchita da approfondimenti, curiosità ed attività didattiche. Una piattaforma di teatro digitale pensata per soddisfare le linee guida dettate dal MIUR in materia di Didattica Digitale Integrata.

Un’ intera stagione teatrale a disposizione dei docenti e degli studenti.

Certo, il teatro digitale, fa anche strano a dirlo, dove i personaggi non si materializzeranno su un palco ma si trasformeranno in pixel che genereranno immagini, non è paragonabile assolutamente al Teatro dal vivo.

In Teatro si sentono gli applausi, si generano emozioni, si crea quella magica empatia tra attori e spettatori, ma come anche ascoltare musica non è come assistere ad un concerto; vedere una partita in tv o un film in streaming non è come andare allo stadio o al cinema; e la didattica a distanza non è come la lezione frontale, in classe. Viviamo il momento!

Il Teatro digitale magari sarà più freddo ma, comunque, a suo modo saprà emozionare, permetterà di mantenere un legame con la normalità a cui siamo abituati.

È un’opportunità concreta per il presente, una realtà parallela per il futuro, nell’ attesa di tornare a Teatro.