FdI rinvia al mittente le accuse di carboneria e invita il sindaco ad un confronto trasparente

0
348
palazzo dei domenicani
Foto di Gigi Garofalo

Dopo un’attenta lettura del comunicato del Sindaco De Nuzzo, riteniamo di dover chiarire i fatti per dare le doverose risposte ai cittadini.

La verità va raccontata tutta, senza omissioni, la trasparenza non deve essere velata, ed il confronto chiaro.

Le istituzioni democratiche si fondano su un principio inestimabile: i consiglieri comunali sono liberi di esprimersi, di astenersi e di votare con coscienza, senza subire la minaccia psicologica di atti di forza ingiustificati e ingiustificabili o ritorsioni politiche.

Le astensioni dei nostri consiglieri in Consiglio Comunale sono l’espressione di un disagio politico-amministrativo più volte manifestato al Sindaco, in diverse circostanze, anche pubbliche.

In primis, alla richiesta di riaprire i termini dei concorsi banditi dal Comune, per dare l’opportunità di partecipare ai ragazzi laureati e diplomati durante la pandemia, il Sindaco non ha dato alcun cenno di risposta.

Nessuna risposta è stata data nemmeno alla richiesta di nominare una commissione prefettizia per giudicare i candidati ai concorsi, visto e considerato che risultano iscritti a concorrere consiglieri in carica e figli di assessori della sua Giunta (atti pubblici consultabili sull’albo pretorio).  

L’imparzialità e la trasparenza sono due elementi a cui non possiamo e non dobbiamo rinunciare.

Nessuna soluzione al problema dei locali di intrattenimento, che si sono ritrovati obbligati a rinunciare alla stagione estiva, subendo gravi danni economici, a causa dell’inconcludenza della politica, malgrado gli sforzi fatti dal nostro gruppo.

Intanto Matino, Parabita, Ruffano, Racale, Alliste, nel frattempo pullulano di attività e attrattive.

Nessuna soluzione alla voragine creata il 25 Aprile, che ha scosso gli equilibri di maggioranza, attraverso un gesto immeritato nei confronti di uno dei consiglieri più suffragati, e a cui non c’è mai stata volontà di porre rimedio.

Silenzio tombale del Sindaco, di fronte al tentativo maldestro e quanto mai inopportuno di delegittimare l’operato trasparente e corretto del Presidente del Consiglio perpetrato da una forza politica che fino a ieri era seduta tra i banchi dell’opposizione.

Sin dall’inizio della consiliatura abbiamo chiesto di sederci intorno ad un tavolo, di condividere proposte e soluzioni, di discutere delle scelte amministrative in maniera trasparente.

La pazienza e la tolleranza del Sindaco evidentemente si sostanzia solo nella sua capacità di sopportare una forza politica mai tollerata ed accettata solo per far “partire” la sua Amministrazione.

Lo stesso Sindaco nel suo comunicato afferma che i problemi nei confronti di FDI risalgono alla scelta del candidato sindaco, segno inequivocabile che egli stesso non ha mai superato quella fase politica, che si porta dietro rancori e rivendicazioni.  

Gli INCONTRI CARBONARI sono quelli fatti dal Sindaco con parte della maggioranza in un locale casaranese ed allo studio privato dell’ex Sindaco, nei caldi pomeriggi di questa torrida estate.

CARBONARE sono le comunicazioni istituzionali limitate ad un gruppo whatsapp denominato “LE TRE LISTE” dal quale sono stati volutamente esclusi i consiglieri scomodi, parallelo a quello ufficiale, rimasto muto e utilizzato dal Sindaco solo per intimare ai consiglieri “nessuno riesce a farsi i … propri” a proposito di una questione di competenza del Consiglio Comunale, lo scioglimento della convenzione per il Segretario Generale.

Tutto ciò in linea con l’atteggiamento reiterato del Sindaco che in più occasioni ha ribadito che i consiglieri non devono essere  necessariamente informati delle scelte amministrative.

Il vicesindaco Laura Parrotta, sin dalla sua nomina, ha dimostrato correttezza e rispetto istituzionale senza mai prevaricare la figura del Sindaco, condividendo ogni scelta, prediligendo lealtà e assoluta disponibilità al dialogo, malgrado la maggioranza del Sindaco De Nuzzo non abbia mai digerito la sua forte affermazione elettorale.

Il Sindaco dopo aver preso e perso tempo per mesi, avrebbe dovuto affrontare i problemi e trovare soluzioni condivise.

Avrebbe dovuto seminare per far germogliare un clima di pace, invece ha preferito agire in maniera spropositata e scomposta, revocando il Vicesindaco, destituendolo anche della delega assessorile.

Evidentemente lo scoglio del cambio di Segretario Comunale, è così determinante da compromettere l’Amministrazione stessa.

Chiariti i fatti, Fratelli d’Italia, forza politica responsabile e coesa, rinnova al Sindaco l’invito al confronto limpido e trasparente, anche pubblico se ritiene, nel merito delle questioni, mettendo da parte le beghe personali che stanno danneggiando la nostra città, e le cui conseguenze ricadono, esclusivamente sui cittadini.

 Fratelli D’Italia – Sezione “G. Almirante” Casarano

VIAComunicato Stampa
FONTEFratelli d'Italia Casarano
Articolo precedenteL’opposizione chiede le dimissioni del sindaco De Nuzzo
Articolo successivoPD: Casarano ha bisogno di stabilità politica
Hai un comunicato, una notizia, un evento, una lettera, o qualunque contenuto che vorresti far conoscere? Invia pure una mail a info@tuttocasarano.it e saremo lieti di fare da amplificatore della tua voce.