Il Comitato pro Ferrari incontro il commissario della Asl

0
301
Claudio Casciaro
Claudio Casciaro

Mercoledì pomeriggio, presso la direzione generale dell’Asl di Lecce, si è svolto un incontro tra il commissario, dottor Stefano Rossi, ed una delegazione del Comitato pro Ferrari. Il presidente Claudio Casciaro ha voluto presentare al commissario il comitato che da 10 anni si impegna per la difesa ed il rilancio del presidio ospedaliero “Ferrari”. Sinteticamente ha illustrato le varie iniziative attuate in questi anni, ribadendo come il “Ferrari” serva uno dei comprensori più popolosi della provincia e la città di Casarano rappresenti il polo industriale più importante della provincia, un notevole polo scolastico e di servizi, dall’Inps fino all’ufficio delle entrate, oltre ad essere il presidio di riferimento della costa ionica del basso Salento, dalle marine di Ugento a Santa Maria di Leuca, che registrano le maggiori presenze turistiche della Puglia.

Nel ribadire il superamento del decreto ministeriale 70 che ha declassato il nostro ospedale e come la pandemia Covid abbia fatto emergere la necessità di rivedere la riorganizzazione della rete ospedaliera provinciale, sottolineando come il distacco dell’ospedale “Vito Fazzi” dall’Asl comporterà obbligatoriamente una rivisitazione degli ospedali del territorio, ha ricordato l’impegno del presidente Emiliano per una riclassificazione dell’ospedale “Ferrari” e ha ribadito al dottor Rossi la richiesta di un rilancio e potenziamento del “Ferrari”, presentando altresì un documento in cui sono illustrate le carenze e le emergenze dei vari reparti.

Il presidente Casciaro ha chiesto con forza al dottor Rossi l’espletamento celere dei concorsi per la nomina dei primari, con un intervento deciso su alcune inefficienze che si possono verificare, stante l’assenza dei primari. Ha ricordato come nel 2019, nell’incontro con il ministro alla salute e con i funzionari del ministero, vi era già il nullaosta per la riclassificazione dell’ospedale “Ferrari”.

Ci si è soffermati poi sul problema dell’ambulatorio di ginecologia, che deve essere riattivato con urgenza, così come richiesto anche dal documento del Tribunale per i diritti del malato di Casarano del 7 settembre, in particolare per l’azione di prevenzione delle patologie oncologiche.

Il dottor Rossi ha assicurato la ripresa del servizio nei prossimi giorni, con la presenza del dottor Filoni e del dottor Valentini.

Al dottor Rossi è stata poi chiesta l’attivazione urgente del reparto di lungodegenza, visto che la struttura è pronta da tempo, attingendo per il personale medico e paramedico dal personale in servizio presso il “Vito Fazzi”. Sono state affrontate insieme le problematiche inerenti la grave carenza di personale medico, sottolineando l’utilità di richiamare in servizio i medici in pensione punto

Si è discusso poi della radiologia, del pronto soccorso, del servizio di anestesia e delle problematiche di vari reparti del nosocomio. Infine alla presenza del dottor Casto e degli ingegneri Preite e Negro dell’ufficio tecnico si è fatto il punto sui lavori della quarta torre e della realizzazione del distretto socio sanitario con l’utilizzo dei nuovi fondi fesr.

In un clima cordiale ma di confronto attento e serrato si è ribadito il ruolo del comitato di essere portavoce delle istanze delle aspettative dei cittadini del comprensorio e della difesa del diritto costituzionale alla salute.

Il comitato ha assicurato ogni forma di collaborazione per lavorare tutti insieme per una sanità salentina di eccellenza.

VIAComunicato Stampa
FONTEComitato Pro Ferrari
Articolo precedenteFinanziamento da 50mila euro per la rimozione dei rifiuti abbandonati in aree pubbliche
Articolo successivoRimborsi abbonamenti strisce blu: La Viguera risponde al consigliere Totaro
Hai un comunicato, una notizia, un evento, una lettera, o qualunque contenuto che vorresti far conoscere? Invia pure una mail a info@tuttocasarano.it e saremo lieti di fare da amplificatore della tua voce.