Il sindaco a FdI e ai gestori dei locali: “Le regole vanno rispettate. Quanto accaduto denota arroganza e mancanza di rispetto”

0
452
Ottavio De Nuzzo
Ottavio De Nuzzo

Dopo quanto affermato stamattina sui social da alcuni “locali di intrattenimento” di Casarano sento il dovere di intervenire per chiarire e precisare quanto dagli stessi affermato.

Premesso che una pubblica amministrazione opera seguendo regole dettate da leggi e regolamenti, con inevitabili tempi da rispettare, ieri si è tenuta una riunione nell’aula consiliare, promossa dal gruppo consiliare “Fratelli D’Italia” senza alcuna autorizzazione preventiva per l’utilizzo dell’aula consiliare e senza il coinvolgimento del Sindaco e dell’assessore al ramo.

Il sindaco, pur sforzandosi di essere sempre a disposizione, ha necessità di un minimo preavviso per poter organizzare la propria agenda e garantire la presenza.

Quanto è accaduto ieri in comune palesa ancora una volta l’arroganza degli organizzatori nonché la mancanza di rispetto nei confronti delle istituzioni.

Venendo al merito della questione e tralasciando le inopportune provocazioni occorre preliminarmente ricordare che i “locali di intrattenimento” tali non sono avendo un’autorizzazione per l’attività di somministrazione di alimenti e bevande e che gli intrattenimenti per tali locali sono sì previsti dalla norma ma devono svolgersi in via del tutto occasionale. È accaduto in passato che gli eventi organizzati dai predetti pubblici esercizi non avevano il requisito dell’occasionalità in quanto gli stessi venivano organizzati con cadenza settimanale. Tali eventi hanno inevitabilmente provocato le proteste dei residenti per il disturbo della quiete pubblica che, è bene ricordarlo, si sono riuniti in comitato spontaneo, arrivando a sporgere querela oltre che sollecitare i doverosi interventi del Comune e delle Forze dell’ordine.

Il Comune, nella passata amministrazione, ha responsabilmente affrontato la questione adottando l’ordinanza nr. 46 del 21/05/2020 con la quale si richiamavano le norme che regolavano e ancora regolano le attività richieste dai pubblici esercizi e non, lo ribadisco, da “locali di intrattenimento” sottoposti, questi, a tutt’altra normativa.

L’attuale amministrazione, per il tramite dell’ass. Emanuele Legittimo, ha già affrontato il problema tenendo diversi incontri con i commercianti e predisponendo una bozza di regolamento che a breve inizierà l’iter per l’approvazione.

Il nuovo regolamento sarà improntato nel rispetto dei legittimi interessi degli operatori economici e dei diritti dei residenti senza prescindere naturalmente dalle norme che regolano la materia.

Non entro come già detto nelle grossolane, gratuite e becere provocazioni al limite della querela ma affermo con forza che il sindaco sarà sempre attento ascoltatore delle istanze della propria città a condizione che queste siano poste all’attenzione con garbo e nel rispetto della persona e delle istituzioni chiamate a svolgere un ruolo super partes.

Ricordo infine che pur comprendendo le legittime aspettative dei pubblici esercizi in questo periodo di ripresa delle attività, queste ultime non possono prescindere dalle norme in vigore che il blocco causato dalla pandemia non ha modificato nè abrogato.

CASARANO 28/05/2021
Il Sindaco
Ottavio De Nuzzo

VIAComunicato Stampa
FONTEOttavio De Nuzzo
Articolo precedenteI titolari dei locali della “Movida” puntano il dito contro il sindaco
Articolo successivoFdI: “Da parte del sindaco un inacettabile attacco al nostro partito”
Hai un comunicato, una notizia, un evento, una lettera, o qualunque contenuto che vorresti far conoscere? Invia pure una mail a info@tuttocasarano.it e saremo lieti di fare da amplificatore della tua voce.