Impianti fotovoltaici: il Comune dovrà pagare sino a un massimo di circa 20mila euro. L’allarme della minoranza

La commissione di controllo convocata da Marco Mastroleo è andata deserta per l'assenza dei consiglieri di maggioranza

0
285
Marco Mastroelo
Marco Mastroleo

Mercoledì 27/07 u.s. come da allegato ho convocato la commissione controllo per discutere i punti inerenti la gestione degli impianti fotovoltaici presenti sugli edifici comunali e la questione dei parcheggi (a pagamento e non) della città. Insieme a tutti i consiglieri di opposizione, abbiamo analizzato la documentazione in nostro possesso; da quest’analisi, per il punto che riguarda la gestione degli impianti fotovoltaici, sono emerse mancanze non da poco. Come emerge da quella che doveva essere la relazione introduttiva, (che allego) l’ente comune dovrà pagare in più all’agenzia delle dogane da un minimo di 3.278,88 € ad un massimo di 18.836,64 €, rispetto a 278,88 € che avrebbe dovuto pagare se tutto fosse stato fatto in regola.
Questo è ciò che emerge dai verbali di ADM. Ma la nostra richiesta era affrontare il problema una volta per tutte e capire come stanno realmente i fatti. I chiarimenti non ci sono stati concessi perché, al netto del consigliere Bellomo che ha giustificato la propria assenza, il resto dei componenti non si sono presentati e la seduta è andata deserta. Non ci preoccupa lo sgarbo istituzionale e la correttezza mancata nei rapporti, ma non siamo noi consiglieri che vogliamo fare chiarezza, c’è un’intera comunità che vuole essere messa al corrente di com’è gestita la res pubblica. Riproporremo il tema fin quando non avremo le risposte a tutte le nostre domande. Siamo certi che la nostra tesi, sul tema impianti fotovoltaici, è più che fondata e che in un periodo come questo neanche un watt deve andare sprecato.

I consiglieri
Marco Mastroleo
Attilio De Marco
Antonella Barlabà
Massimo D’Aquino
Fedele Coluccia
Umberto Totaro


Relazione introduttiva Commissione controllo 01-08-22

Da più soggetti politici partitici ed istituzionali sono stati richiesti chiarimenti sul corretto funzionamento degli impianti fotovoltaici presenti sugli immobili comunali.

Oggi siamo qui per chiarire principalmente due aspetti:

il primo è tecnico ed il secondo è verificare la congruità e la veridicità delle comunicazioni e degli adempimenti verso TERNA, gestore locale di rete elettrica, GSE (Gestore dei servizi energetici) e ADM (Agenzia delle dogane e dei monopoli), e in particolare vorremmo sapere:

1) quanti sono gli impianti sopra i 20 kw e quanti sotto questa soglia?

2) sono tutti correttamente funzionanti? Se ci sono impianti non attivi, perché non sono attivi?

3) Visto che per dipanare questa matassa si è dovuto incaricare un tecnico, sulla base di quali elementi nei bilanci è stato inserito l’introito da produzione di circa 7.500 €? Evidentemente un dato approssimato ed approssimativo, tano da rimanere invariato nei vari bilanci (preventivo, consuntivo) degli anni.

4) ogni quanto tempo è stata prevista l’attività di ispezione (e conseguente manutenzione e taratura) degli impianti?

5) fermo restando che siamo consapevoli che il 2021 è stato un anno di rodaggio per la nuova piattaforma di ADM, ma ci chiediamo perché non si è provveduto ad una “semplice” comunicazione dei consumi per gli anni 2019 e 2020? Di fatto, dai verbali prot. n. 28499, 28500, 28501 del 20.08.2021 di ADM riferiti agli impianti fotovoltaici installati presso le scuole di via Messina; Via Tagliamento; Via Adda; la stessa Agenzia, ci contesta prevalentemente due punti e cioè la mancata comunicazione di cui sopra e aver omesso per gli anni 2018, 2019, 2020, 2021 i versamenti dovuti.

Sotto uno specchietto riepilogativo degli omessi versamenti e delle ipotetiche sanzioni che dovremo pagare:

omessi versamenti

via Messina        Via Tagliamento              Via Adda

2018                     23,24 €                 23,24 €                     23,24 €

2019                     23,24 €                 23,24 €                     23,24 €

2020                     23,24 €                 23,24 €                     23,24 €

2021                     23,24 €                 23,24 €                     23,24 €

TOTALE                92,96 €                 92,96 €                      92,96 €

importo del debito iniziale 278,88 €

SANZIONE (DA UNA A TRE VOLTE L’IMPORTO A DEBITO)

da 278,88 € a 836,64 €

importo minino dovuto debito + sanzioni 557,76 €

importo minino dovuto debito + sanzioni 1.115,52 €

sanzioni x omessa dichiarazione di consumo

via Messina                        Via Tagliamento               Via Adda

2020      500,00 € – 3000,00 €      500,00 € – 3000,00 €      500,00 € – 3000,00 €

2021      500,00 € – 3000,00 €      500,00 € – 3000,00 €      500,00 € – 3000,00 €

TOTALE 1000,00 € – 6000,00 €   1000,00 € – 6000,00 €    1000,00 € – 6000,00 €

importo minino dovuto x sanzioni 3.000,00 €

importo minino dovuto x sanzioni 18.000,00 €

per regolarizzare il rapporto con ADM questi sono gli importi min e max

importo minino dovuto 3.557,76 €

importo massimo dovuto 19.115,52 €

a fronte di 278,88 € + le comunicazioni questi sono gli importi min e max comprensivi di sanzioni che il comune dovrà pagare in più rispetto al dovuto:

da 3.278,88 € a 18.836,64 €

A valle di queste prime considerazioni ci preme capire se:

1) dopo che ADM ha notificato i verbali, siano state presentate entro i 60 gg. le controdeduzioni. E se si, possiamo averne copia?

2) i versamenti per l’anno 2022 e la dichiarazione di consumo per l’anno 2021 siano state regolarizzate.

3) In questi anni sono stati creati impegni di spesa e accertamenti in entrata ed in quali capitoli?

4) da quale fondo prenderemo le somme relative alle sanzioni e se tale fondo è sufficiente o sarà oggetto di assestamento/variazione?

Inoltre ci permettiamo di consigliare di semplificare la comunicazione agli organi competenti con un la messa in opera di software system to system affinché comunichi in automatico con GSE e ADM.

Questo meccanismo informatico permetterebbe, inoltre, di rendere fruibili i dati direttamente sul sito internet del comune dimodoché si possa avere un controllo costante della produzione anche da parte della cittadinanza.

Vogliamo conoscere la produzione di energia fino ad oggi immessa in rete e come si intende impostare il meccanismo futuro.

Oggi, con la crisi energetica, non possiamo permetterci nemmeno un singolo watt di spreco.

Casarano lì 01-08-22

Presidente commissione controllo Casarano

Marco Mastroleo


Al Sindaco
Agli Assessori
Ai Consiglieri Componenti
Commissione Consiliare
Giacomo Bellomo
Barbara Anna Lucia Perrone
Tommaso Toma
Attilio Giovanni De Marco
Al Presidente del Consiglio Giampiero Marrella
Ai Capigruppo consiliari
Al Segretario Generale

Oggetto: Convocazione della Commissione per fini di Controllo, Indagine, di Inchiesta e di Studio.

Si invitano le SS.LL. a partecipare il giorno Lunedì 01 Agosto 2022 alle ore 9,30, presso la sede Municipale per discutere sul seguente ordine del giorno:

1. Impianti fotovoltaici patrimonio comunale: approfondimenti;

2. Gestione parcheggi, modalità ed esigenze collettive;

3. varie ed eventuali.

Si richiede la presenza degli assessori competenti per delega: Ambiente/territorio, patrimonio, polizia municipale e per il tramite del Segretario dei rispettivi responsabili Architetto Andrea Carrozzo, Ing. Stefania Giuri, Isp. Sup. Luigi Casto

Casarano lì, 27/07/22

Il Presidente

Marco Mastroleo

VIAComunicato Stampa
FONTEConsiglieri di minoranza
Articolo precedenteEstemporanea di pittura nel centro, targata Nuvole Barocche
Articolo successivoFerrari: “A Casarano i servizi postali continuano ad essere disservizi”
Hai un comunicato, una notizia, un evento, una lettera, o qualunque contenuto che vorresti far conoscere? Invia pure una mail a info@tuttocasarano.it e saremo lieti di fare da amplificatore della tua voce.