Lettera aperta dei gestori di Pub di Casarano

"Non possiamo essere i terminali di un sistema che cerca responsabili e non soluzioni"

0
576
lettera aperta dei gestori di pub di casarano

Dopo l’ennesima serata nella quale abbiamo cercato, faticosamente, di dare continuità alle nostre aziende, con i loro occupati, trascorsa anche a difenderci dai comportamenti delle forze dell’ordine, si rende necessario ripristinare la verità dei fatti e delle cose:

Dopo 3 mesi abbiamo riaperto tra dubbi, incertezze normative ed economiche, e siamo finiti per diventare il “capro espiatorio” di controlli quasi simili a quelli fatti ai malavitosi, come se il solo fatto di aprire dopo le 20, fosse di per sè, già una colpa.

Chiediamo e offriamo collaborazione, alle istituzioni, alle forze dell’ordine e alla società civile.
A nostre spese, con fatica e sacrificio, ci impegniamo a far rispettare le regole del distanziamento, negli spazi di nostra competenza, non potendo e non avendo l’autorità per fare altrettanto in quelli pubblici.

Siamo stanchi!!!

Ci sentiamo abbandonati dalle istituzioni!!!

Oggetto di controlli “assurdi” delle forze dell’ordine!!!

Senza la collaborazione dei nostri stessi clienti (per fortuna non tutti) che infischiandosene delle sanzioni alle quali siamo esposti, nonostante le continue raccomandazioni degli addetti, non rispettano le regole!!!

Non si può andare avanti così!!!

Abbiamo bisogno di LAVORARE, onestamente e nel rispetto delle regole!!!

Proponiamo un patto con le istituzioni, per combattere tutti insieme questo maledetto virus.

Non possiamo essere i terminali di un sistema che cerca responsabili e non soluzioni.

Noi ci siamo!