Magia di un Natale più rosso che mai

0
1408
magia di un natale più rosso che mai
Foto: Chiara Mighali

I lettori sanno che dietro ogni libro ci sono mille natività di pensieri, come vivere innumerevoli storie senza neanche spostarsi dalla propria “mangiatoia”. Leggere è una pratica affascinante da ogni punto di vista, anche per il meccanismo che ci consente di farlo, affinato in secoli di evoluzione e susseguirsi di Natali.

Per praticare una pur semplice lettura, infatti, i nostri occhi saltellano sulla pista di sillabe e il nostro cervello anticipa, presume, costruisce un discorso come fosse proprio, sebbene sia scritto da altri: è un atto di curiosità, fiducia ma soprattutto anticipazione.

Noi umani viviamo da precoci tutte le volte che ci è possibile, almeno tante quante siamo in ritardo, rientra nella nostra peculiare biodiversità.

Ci piace fare il bagno a Pasquetta, sentirci grandi in “appena pubertà”, contare sino a 30 a 2 anni, mangiare le fragole a marzo..siamo fatti così e talvolta, ma solo talvolta, è un merito.

Avete presente gli addobbi natalizi di fine ottobre?

Tutti gli anni si anticipa un po’ e vogliamo pensare che non sia né marketing né mercato, solo impazienza! Natale poi, è un periodo a sé, come le olimpiadi greche: tregue difficili, fair play ad ogni costo, generosità, fasto e pietà per l’infausto.

Quest’anno non si è smentito ma è stato biodifferente e forse ci ha messi alla prova: se lo spirito del Natale ha colto anche me vuol dire che è davvero un tempo particolare. Tempo rallentato, in cui a lavorare col fiato sul collo è stato solo il forno di casa. Le manine del mio apprendista pasticcere hanno creato una pozione meravigliosa che chiameremo Babbiscotto di Natale…

E’ una ricetta inventata che si candida a diventare la “nostra tradizione” e ha l’ambizione di partecipare ad un concorso di cucina che suona così “#nataleculitoi”.

Gli ingredienti sono dei trovatelli in dispensa (te li mei): i mandarini dell’orto di zio Paolo, il cioccolato di zia Silvia, le nocciole di nonna, il cacao che papà usa a colazione e poi… gli ingredienti biomagici della Drogheria dell’Ignoto (messaggio promozionale): farina, lievito per dolci, zucchero di canna, olio di semi.

La ricetta è un po’ approssimativa, tutta “ad occhio” e “quanto basta”. Frullata la scorza di mandarino e le nocciole..il resto è tutto insieme, abbracciato in casuali e amorevoli dosi…steso col mattarello che non sapevamo di avere e plasmata con formine di fortuna. Profumo di buono, di casa, di famiglia….di Natale.

L’omone barbuto e panciuto di rosso vestito…ha più che gradito! Avete sentito con quanto vigore quest’anno pronunciava quell’Ohohohooooooo?

Magia di un Natale più rosso che mai.

Articolo precedenteGli auguri di Massimo D’Aquino
Articolo successivoEpisodio razzista, la condanna dei 5Stelle
Chiara Mighali
Appassionata di lingua dei segni, danze popolari, storie di Resistenza, innumerevoli e incoerenti teorie e pratiche, vive a Seclì con un atipico approccio ai luoghi, «nessuno mi appartiene ma tanto ovunque è casa». Da 34 anni frequenta la scuola, il mondo nel mondo, giocando clandestinamente d'anticipo all'inizio; perdendosi nella Filosofia ad un certo punto; facendo della precarietà la sua bandiera prima, del Sostegno la sua mission poi. Oggi, insegnante-assistente alla comunicazione ancora alla ricerca del filo rosso della propria esistenza esperienziale. Pensiero emergente? Lo «svantaggio» è solo un punto di vista, invertendo il senso di marcia la coda passa in testa.