Meno male che ci sono Bing e Flop

0
2097
Meno male che ci sono Bing e Flop

Bing è un coniglietto tutto nero e Flop è il suo tutore.

Se la moglie del macellaio ha l’anemia, il fratello del calzolaio ha le scarpe rotte e il marito della sarta ha i bottoni penzoloni…il figlio di un insegnante, come minimo, rischia la devianza.

Per invertire la rotta occorre inventarsi sempre qualcosa. L’asilo nel bosco? La psicomotricità? Una rinfrescata al metodo Montessori? Steiner? La manualità? Le campane tibetane? No.

Il trucco è usare bene il nemico in casa!

Prima d’essere proletaria in senso stretto pensavo Bing e Masha fossero solo i personaggi dei palloni ad elio delle feste patronali, poi, pian piano, ne ho visto traccia nelle edicole, sui canotti in mezzo al mare, nelle cartolerie, nei negozi di abbigliamento per bambini e ho capito… ho capito che presto o tardi ci avrei fatto i conti.

Anche nelle famiglie più  biodiverse i piccoli cuccioli d’uomo passano qualche scatto di lancette d’orologio davanti alla TV e nemmeno in quell’occasione l’adulto di riferimento può distrarsi, un po’ per responsabilità,  un po’ per competizione.

Se lo facesse un giorno potrebbe chiedersi chi insegna delle formule linguistiche di tutto rispetto a un bimbo duenne: chiaramente è merito di Flop, il tutore di Bing.

Il nostro caro amico di famiglia, personaggio principale, è un coniglio tutto nero, con dei grandi occhioni e dei semplici vestiti addosso, non ha mille giocattoli in casa, si diverte anche con poco, legge di tanto in tanto delle storie e somiglia a Calimero.

A volte si sbuccia un ginocchio, fa la pipì addosso, combina marachelle, chiede scusa, bisticcia con gli amici e adora le carote, le ciambelle alle carote, la torta alle carote, il frullato alle carote.

In tutto ciò è seguito a vista da un tutore paziente, dalla voce calda e rassicurante.

Un padre adottivo, singol, animo gentile e ottimo educatore, fatto di pezza. La cosa ancora più stupefacente è che gli altri cuccioli umanizzati, gli amichetti, un’elefantina, un panda, una coniglietta… hanno anch’essi dei tutori, altrettanto pazienti e pacati, di pezza. Beh, oltre a fare educazione alimentare, educazione all’ambiente, educazione linguistica, questo cartone è una seduta di psicanalisi per il genitore: autocritica ad ogni puntata perché «crescere è una cosa da Bing» ma «far crescere i genitori è una cosa da Flop».

Articolo precedenteLa Xylella è il Coronavirus degli ulivi
Articolo successivoConsegnato al «Ferrari» il ventilatore polmonare
Chiara Mighali
Appassionata di lingua dei segni, danze popolari, storie di Resistenza, innumerevoli e incoerenti teorie e pratiche, vive a Seclì con un atipico approccio ai luoghi, «nessuno mi appartiene ma tanto ovunque è casa». Da 34 anni frequenta la scuola, il mondo nel mondo, giocando clandestinamente d'anticipo all'inizio; perdendosi nella Filosofia ad un certo punto; facendo della precarietà la sua bandiera prima, del Sostegno la sua mission poi. Oggi, insegnante-assistente alla comunicazione ancora alla ricerca del filo rosso della propria esistenza esperienziale. Pensiero emergente? Lo «svantaggio» è solo un punto di vista, invertendo il senso di marcia la coda passa in testa.