Nuvole barocche, associazione culturale tutta al femminile

0
1749

Nasce a Casarano  Nuvole barocche, una associazione culturale costituita da donne che intendono impegnarsi nel campo della solidarietà sociale, della cura e della tutela dell’ambiente circostante, ma anche di cultura, di arte e di poesia.

Non è l’inizio del loro stare insieme, ci dice la neoeletta presidente Patrizia Carlino, che ha alle spalle esperienze di volontariato sociale, oltre all’interesse per la pittura e la poesia.

Abbiamo iniziato un po’ di tempo fa proprio con la lettura di poesie, scoprendo che fra di noi, non mancano talenti nelle arti letterarie e in quelle figurative. Ci siamo spesso riunite per affrontare e discutere insieme di varie problematiche sociali legate alla realtà che viviamo quotidianamente. Dopo i primi incontri abbiamo avvertito la necessità di vederci più spesso, in modo da poterci confrontare, diventare un riferimento una per l’altra e conoscere nel profondo ciò che ci circonda“.

A che cosa è dovuta la scelta del nome dell’associazione?

La denominazione Nuvole barocche esprime la volontà di essere presenti sul nostro territorio e fa riferimento all’eterogeneità del gruppo, oltre ad essere metafora di leggerezza. L’aggettivo barocche vuol essere un richiamo alla corrente architettonica molto presente nelle città del nostro Salento, prima fra tutte il nostro capoluogo“.

Con quali auspici vi inserite nel tessuto del territorio?

Il nostro augurio è quello di annodare una rete di relazioni rivolte al confronto e a una duratura amicizia, con il proposito di migliorare prima noi stessi e poi l’ambiente che ci circonda”.

Quali le iniziative già in cantiere?

“Nell’immediato vogliamo promuovere il recupero di spazi verdi, come il giardino della collina della Campana. Abbiamo in programma l’iniziativa “un albero per ricordare” con l’intento di piantare un carrubo per Julia, la ragazza di 26 anni, venuta a mancare per le nefaste conseguenze del disastro ambientale di Chernobyl. E’ inoltre nostro intendimento poter fare qualcosa di utile a favore degli anziani. Sarà costante la  promozione di iniziative culturali, dalla presentazione di libri all’organizzazione di mostre d’arte. Ci interessa in particolare poter valorizzare la creatività che si esprime nei diversi linguaggi figurativi e nei manufatti del nostro artigianato, senza trascurare la raccolta di fondi a sostegno di attività istituzionali”.

                                                                                                                                                   

FONTEAntonio Lupo
Articolo precedenteUn monumento per commemorare i piccoli angeli
Articolo successivoL’Associazione commercianti interviene sui lavori in via Matino, replicando al consigliere D’Aquino
Insegnante di materie letterarie e Storia dell’arte, ha pubblicato diversi articoli, collaborando con testate telematiche e cartacee. Si interessa prevalentemente di critica letteraria e beni culturali del territorio, ambito di ricerca nel quale è anche autore di alcuni saggi.