Paolo Greco riconfermato consigliere nazionale delle città dell’olio

Il sindaco di Caprarica di Lecce resterà nell'organo politico e di rappresentanza della Rete che riunisce 330 territori olivetani italiani

0
604
Paolo Greco riconfermato consigliere nazionale delle città dell'olio
A destra: Paolo Greco, a sinistra: Michele Sonnessa

Paolo Greco è stato riconfermato Consigliere nazionale dell’Associazione nazionale Città dell’Olio.

Il sindaco di Caprarica di Lecce (LE) con voto espresso dall’Assemblea nazionale riunitasi a Roma – resta in carica e continuerà a far parte dell’organo politico e di rappresentanza della Rete che riunisce 330 territori olivetani italiani.

Con le sue 34 Città dell’Olio la Puglia resta protagonista all’interno dell’Associazione nazionale che da 25 anni si occupa di promozione e valorizzazione della cultura dell’olio e del paesaggio olivicolo.  

“Ringrazio i colleghi per la stima e la fiducia che mi hanno accordato – ha dichiarato Paolo Greco – desidero condividere questa rielezione con i soci pugliesi e con il coordinamento regionale che ha svolto un lavoro prezioso per far crescere le Città dell’Olio della nostra Regione attraverso la promozione di iniziative di formazione e di conoscenza dell’olio, soprattutto nelle scuole e tra i più giovani. La Puglia attraversa una fase difficile da cui si saprà rialzare grazie all’impegno di donne ed uomini, il cui amore, passione e competenza possono dare nuovo impulso anche al turismo legato a questo straordinario mondo operoso”.

“Le Città dell’Olio pugliesi sono l’ossatura della nostra associazione, da sempre sono presenti nelle nostre iniziative e rappresentano un motore importante della nostra struttura – ha dichiarato il neoeletto presidente Michele Sonnessa – mi auguro che si possa lavorare in sinergia nel segno di un cambiamento di passo necessario che ci proietti in un futuro sempre più ricco di opportunità per i territori. Costruiremo le basi per un nuovo protagonismo delle Città dell’Olio e insieme daremo corpo e gambe a progettualità innovative”.