PD: “Aumento Tari: il Comune riconosca le proprie responsabilità”

0
371
Marco Nuzzo
Marco Nuzzo, Sub-commissario PD Casarano

Hanno in mano il governo cittadino da oltre 10 anni, e mai, MAI, che si assumano la responsabilità di qualcosa; è sempre colpa di qualcun altro. C’è sempre un cattivo a cui scaricare la responsabilità.Loro no! loro, i buoni, governano a dispetto di tutto il resto del mondo che è colpevole, incapace, in cattiva fede. Ora, la TARI aumenta, e chi ne paga le conseguenze più alte sono aziende ed esercizi commerciali e le utenze più piccole. Scelte, scelte che assume chi governa, scelte che hanno una paternità oggettiva ma che, a Casarano, chi ne è responsabile ha paura di riconoscere. E allora, la colpa è di altri, della regione nello specifico, che ci costringe a conferire i rifiuti fuori provincia, addirittura fuori regione. Ma allora, che si pubblichi la destinazione dei rifiuti; che ci dicano dove conferiscono il secco indifferenziato, l’umido, la carta, l’alluminio, la plastica ed il vetro. Che, per una volta, portino delle evidenze oggettive. Perché a noi risulta qualcosa di diverso ma, certo, noi non siamo loro, siamo parte dei brutti-cattivi-in malafede, e ci potremmo sbagliare. 10 anni, dicevamo, 10 anni che reggono le sorti della nostra città, e ora qualcuno di loro dice “se paghiamo tutti, tutti paghiamo di meno”; ah, c’è chi non paga, quindi. Davvero? che scoperta fantasmagorica!E allora che si fa? beh, semplice, controlli, lotta all’evasione, recupero dei crediti. Azioni normali, no? NON a Casarano, a Casarano sono anni che, in bilancio, alla voce recupero dell’evasione c’è un’unica cifra: 0, ZERO. Anche questa è una scelta, precisa, netta, che non ammette contraddittorio. ZERO! a Casarano non si fa lotta all’evasione, a Casarano chi evade lo fa indisturbato, perché sa che chi dovrebbe, non controlla. Ma, pubblicamente, la colpa è di altri, quelli brutti-cattivi-in malafede!

PD Casarano – Coordinamento cittadino

VIAFacebook
FONTEPD Casarano
Articolo precedenteDe Nuzzo: “Tari: paghiamo tutti, per pagare di meno”
Articolo successivoAscla spegne le sue prime venti candeline
Hai un comunicato, una notizia, un evento, una lettera, o qualunque contenuto che vorresti far conoscere? Invia pure una mail a info@tuttocasarano.it e saremo lieti di fare da amplificatore della tua voce.