Non sappiamo a quali giochi si siano dedicati da bambini i consiglieri Ferrari e Casarano; da quanto si legge dal comunicato a firma congiunta pare evidente che, pur essendo diventati adulti, abbiano continuato nel passatempo di parlare nelle bottiglie vuote, privando tutti noi, e l’intera maggioranza di cui fanno parte, del piacere di conoscere, fino a ieri, il loro reale pensiero sullo stato delle piazze cittadine. Eppure le fioriere e i cubi di Piazza Indipendenza sono eredità dell’amministrazione Stefano di cui Ferrari e Casarano erano parte integrante ed attiva ma anche in quell’occasione non erano, evidentemente, riusciti a spiegare il loro punto di vista. E, ancora, come non ricordare al Consigliere Ferrari che da due anni è titolare – forse, a questo punto, a sua insaputa – della delega al decoro urbano e, dunque, qualcosina sulla sistemazione delle piazze avrebbe potuto e dovuto dirla prima di ieri. C’è da pensare che le critiche degli ultimi giorni sullo stato pietoso delle piazze cittadine siano state così forti e vibranti da rompere le bottiglie in cui finora avevano parlato e consentire, finalmente, ai due consiglieri di esprimere il loro pensiero senza alcun timore di rompere gli equilibri all’interno dell’attuale maggioranza. Equilibri che, seppur instabili, tornavano forse utili alla causa di una candidatura cittadina alle prossime politiche a favore di chi, dopo aver fatto dimettere il consiglio comunale nella sua quasi interezza, essersi immolato sull’altare delle scorse elezioni al consiglio regionale rimanendo fuori anche da quello cittadino, essersi messo alla guida di un partito dato per vincente ed aver partecipato, negli ultimi giorni, ad eventi inaugurali e premi vari, su quella candidatura aveva fortemente, quanto inutilmente, contato quale minimo riconoscimento per tutto questo impegno profuso. Saltata la candidatura, potrebbero saltare anche gli equilibri? Non ci resta che attendere la contromossa del Sindaco, sperando che non riesca nella pur difficile impresa di precipitare ancor di più le nostre belle e sfortunate piazze in un ulteriore stato di degrado.

P.S.: ricordiamo ai due consiglieri che non è con le fioriere che si argina la maleducazione degli automobilisti!

PD Casarano