The show must… start again

0
417
The show must start again

In questi giorni sul web hanno circolato molti post rievocativi del mitico Live Aid tenutosi a luglio del 1985, un concerto spettacolare, considerato uno spettacolo perfetto, un evento irripetibile entrato nella storia, che consacrò i Queen nell’ Olimpo della Musica Rock.

Oggi viviamo un momento storico in cui il settore dello spettacolo è quello forse maggiormente più penalizzato e candidato ad essere il più tardivo a riprendere, proprio perché crea quell’aggregazione, quella interazione magica che solo lo spettacolo dal vivo sa dare ma che al momento risulta pericolosa. 

Allora, riguardando quelle immagini, con lo stadio di Wembley stracolmo di pubblico che assiste in delirio allo spettacolo, cresce un magone in gola, qualcosa ci manca, ma siamo speranzosi che presto ci possa essere la “normale” ripartenza della macchina dello spettacolo e vedere nuovamente i palchi illuminarsi e diffondere emozioni.

Lo spettacolo manca, ed è necessario che riparta.

È necessario che riparta perché la gente ha desiderio di distrarsi, di alienarsi per alcune ore dalla frenetica realtà, di vivere emozioni che solo lo spettacolo sa dare.

È necessario che lo spettacolo riparta per tutte quelle figure professionali che lavorano per il successo di uno spettacolo: autori, sceneggiatori, coreografi, tecnici audio/luci, macchinisti, hostess, maschere, autisti, organizzatori e tanti altri.

E’ ormai risaputo, infatti, che quello che prende vita sul palco è solo la punta di un Icerbeg che si eleva e si palesa impetuosa e affascinante.

Per fortuna qualcosa inizia a muoversi, la macchina dello spettacolo si sta lentamente preparando alla ripartenza;

iniziano a programmarsi i primi tour, qualche spettacolo inizia a circuitare e nelle Città si pensa ad allietare le serate estive (come anche a Casarano con il cartellone estivo) tutto con le giuste e dovute cautele che però un po’ limitano la naturalezza della rappresentazione.

E allora iniziamo… torniamo ad occupare gli stadi, le sale, le piazze perché THE SHOW MUST…START AGAIN!