Totaro: “Fine dell’anonimato”

0
425
Umberto Totaro

Ho volutamente aspettato alcune ore prima di intervenire sulla fine di questa consiliatura anomala ed anonima. Anomala perché vede una maggioranza consiliare rimettere il proprio incarico, e quindi di fatto sfiduciare il proprio mandato, salvo poi ripresentarsi dopo poche settimane nuovamente insieme alla competizione elettorale (quindi solo “calcoli tecnici” in vista delle consultazioni regionali), poco importa, per loro, lasciare senza guida la città e riconsegnarla ad una campagna elettorale anzitempo. Ognuno ha le proprie ambizioni ed aspirazioni, è lecito; poco garbato è snaturare e mortificare i ruoli istituzionali per tali obiettivi. Amministrazione anonima, perché sono stati tre anni di consiliatura caratterizzati da pochezza e pressapochismo politico istituzionale, da commissioni paralizzate, consigli comunali muti (da parte della maggioranza), mancanza di contraddittorio e di risposte. Le stesse risposte che ancora oggi attendiamo su molti temi sui quali abbiamo chiesto chiarimenti. Il degrado ambientale, l’inquinamento e la qualità dell’aria, la sicurezza della città, il rischio idrogeologico, la situazione debitoria dell’ente, sono solo alcune delle tante interrogazioni ed interpellanze, protocollate dal sottoscritto in questi tre anni, che mai hanno trovato risposta.
Non bisognava rispondere a me in qualità di consigliere di opposizione, bisognava dare risposte a tutta la città!
Casarano merita altro; necessita di ascolto, attenzione ed impegno; un’altra Casarano è possibile. Abbiamo bisogno di menti pensanti non di servi accomodanti; occorre spirito di servizio non servilismo.
Insieme agli amici del gruppo Orgoglio Casarano, continuerò a dare il mio contributo per la città, con l’impegno e la passione che mi hanno sempre contraddistinto.
Sempre Con Orgoglio, sempre per Casarano!