Totaro: “Intitolata strada ad Almirante. Scelta discutibile. Perché non a Emanuele Capozza?”

0
698
Umberto Totaro

Mercoledì mattina si è svolta la cerimonia di inaugurazione di via Giorgio Almirante, nuova arteria cittadina che collega il rondò di Via Solferino con via Cisternella. Una scelta legittima, che proviene da un lavoro di studio svolto dalla Commissione per la Toponomastica della precedente consiliatura (nel nuovo mandato amministrativo non si è ancora rinnovata) ma che ha scaturito in me una altrettanto legittima riflessione, distogliendomi per un attimo l’attenzione dalla situazione emergenziale. Non è mio costume scivolare in sterili polemiche su posizioni e scelte, indubbiamente di parte, ma a chi conosce la storia non sfuggirà l’evidente contraddizione di una compagine politico amministrativa (è pressochè la stessa della precedente consiliatura) che, nel giro di pochi mesi, prima delibera all’unanimità per il conferimento della cittadinanza onoraria alla senatrice Liliana Segre (sopravvissuta ai campi di sterminio) e poi intitola una strada ad un capo politico, figura di rilievo del dopoguerra italiano, scrittore della “Difesa della Razza”, dalle posizioni spesso estreme e discutibili. Si badi bene, ogni amministrazione è libera di adottare decisioni che più le sembrano idonee a rappresentare il territorio e la propria comunità, ed il mio non è un giudizio di parte (non si tratta della perenne diatriba destra-sinistra, non essendo un rappresentante di posizioni politiche estreme) ma avrei preferito intitolare la nuova arteria cittadina, all’ingresso della Città, ad una personalità locale, cittadina, da presentare con vanto ed orgoglio come biglietto da visita per chi entra nella nostra amata Casarano. A dicembre 2019, ad esempio, protocollai a tutti i componenti della Commissione per la Toponomastica (oggi i due componenti che rappresentavano la maggioranza e la minoranza dell’epoca, sono assessori in questa giunta), una proposta per intitolare una via, una piazza, un luogo, all’ing. Emanuele Capozza, ultimo consigliere regionale casaranese, prematuramente scomparso nel 1989, affinché potesse rimanere sempre vivo il suo ricordo ed il suo impegno amministrativo per la crescita della nostra città. Spero che questa mia richiesta, insieme alle altre riguardanti personalità eccellenti casaranesi, possa trovare accoglimento all’interno della Commissione. Ritengo sia dovere di un amministratore ponderare sempre al massimo ogni scelta, valutare l’impatto e l’immagine che ne consegue, e non agire in un vuoto asfittico di una politica spesso appiattita ed in trincea sulle proprie posizioni.

Umberto Totaro
Consigliere comunale