Il 24 aprile scorso è stato inaugurato, all’interno del cimitero di Casarano, un monumento di marmo raffigurante un Angelo con un bambino in braccio. Il monumento, realizzato dallo scultore Emanuele Nassisi di Parabita, che vive a Nyon in Svizzera, è stato voluto dall’Associazione Onlus “Figli in Paradiso – Ali tra cielo e Terra”. L’Associazione nasce nel 1999 quando al presidente, Virginia Campanile, venne a mancare suo figlio Daniele. Decise così di bussare alla porta di altre mamme come lei. Il gruppo è un luogo di accoglienza, incoraggia l’espressione delle esperienze, crea un senso di appartenenza, stimola nuove conoscenze e nuovi modi di guardare alle cose, ripristina la fiducia in se stessi e contribuisce al recupero della speranza. Nel corso dell’evento, svoltosi sotto una pioggerellina primaverile, erano presenti il sindaco Ottavio De Nuzzo e molte famiglie che hanno subito la perdita di un proprio caro prematuramente. La benedizione è stata impartita dal parroco Don Riccardo Personè, molto vicino all’Associazione, venuto di proposito da Montepulciano, dove esercita il suo mandato pastorale. La manifestazione è proseguita in chiesa, dove si è celebrata la Santa Messa in memoria dei defunti preseduta dal vescovo della diocesi di Gallipoli-Nardò Fernando Filograna.